Newsletter n° 16 del 11/05/2018

OPERE PUBBLICHE

Finanziamenti per gli alloggi sfitti ALER
La Giunta Regionale lombarda con la Delibera n. 64 del 23 aprile 2018, ha stabilito i criteri e modalità per l’attribuzione alle ALER di Milano, di Bergamo-Lecco-Sondrio, di Brescia-Cremona-Mantova, di Pavia-Lodi e di Varese-Como-Monza Brianza-Busto Arsizio, del contributo regionale pari a € 18.000.000,00 a sostegno degli interventi di recupero e manutenzione degli alloggi sfitti destinati a servizi abitativi pubblici. Il Programma d’intervento per la riqualificazione di alloggi sfitti dovrà essere presentato a Regione Lombardia entro il 30 giugno 2018 secondo le modalità stabilite nella citata delibera di Giunta Regionale. Ance Como ha predisposto una specifica circolare in proposito.

EDILIZIA PRIVATA

Corte di Cassazione: le fessure nell’intonaco sono un vizio grave
Le fessure nell’intonaco possono rappresentare gravi vizi dell’immobile, in grado di comprometterne la funzionalità e il normale utilizzo. Lo ha affermato la Corte di Cassazione con la Sentenza 10048/2018. Mentre la Corte d’Appello aveva affermato che le fessurazioni non compromettevano la solidità e la durata dell’edificio, ma avevano un impatto solo sull’aspetto decorativo. La Cassazione ha ribaltato la situazione spiegando che “sono gravi difetti dell’opera anche quelli che riguardano gli elementi secondari e accessori, come le impermeabilizzazioni, i rivestimenti e gli infissi, purché tali da compromettere la funzionalità globale e la normale utilizzazione del bene”.

FISCALITA'

Ristrutturazioni edilizie: sì al bonus anche per l’ampliamento di box pertinenziali
La detrazione Irpef del 50% per le ristrutturazioni edilizie è riconosciuta anche in caso di interventi di ampliamento di un box pertinenziale finalizzati alla creazione di un nuovo posto auto. Inoltre è possibile fruire della detrazione per l’acquisto di box pertinenziali anche se il pagamento è effettuato con mezzi diversi dal bonifico. Lo precisa l’Agenzia delle Entrate in una recente circolare.

Ecobonus e sismabonus, tutte le istruzioni per la dichiarazione dei redditi 2017
In vista della prossima dichiarazione dei redditi, una circolare dall’Agenzia delle Entrate fornisce, tra l’altro, un riepilogo sulle modalità applicative dell’ecobonus e del sismabonus condomini. Una sezione ad hoc del documento è dedicata al calcolo dei limiti massimi di spesa agevolata per lavori condominiali e alla cessione delle detrazioni sotto forma di credito d’imposta.

Fatturazione elettronica tra privati: chiarimenti sulle regole per i contratti di appalto
L’obbligo di fatturazione elettronica anticipato che entrerà in vigore, a partire dal 1° luglio 2018, per le prestazioni rese dai subappaltatori nei contratti di appalto con la pubblica amministrazione, riguarda i soli rapporti “diretti”, quelli cioè tra titolare del contratto d’appalto e pa e tra appaltatore e subappaltatore, con esclusione dei passaggi successivi. Lo chiarisce l’Agenzia delle Entrate in una recente circolare.

Immobili di impresa, aggiornati i coefficienti Imu e Tasi 2018
Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero dell’Economia con il quale sono stati aggiornati i coefficienti da utilizzare per il calcolo dell’Imu e della Tasi 2018 per gli immobili classificabili nel gruppo catastale D, non iscritti in catasto ed interamente posseduti da imprese.

LAVORO

Fondi di previdenza complementare, pubblicato l’indicatore sintetico dei costi
Pubblicato dalla Covip l’indicatore sintetico dei costi sostenuti annualmente dagli iscritti ai vari Fondi pensione negoziali. Dall’analisi emerge che il Prevedi risulta il meno costoso tra tutti i Fondi di previdenza complementare.

Rapporto periodico sul personale, la scadenza per l’invio slitta al 30 giugno
Un comunicato stampa del Ministero del Lavoro ha informato che, in considerazione dell’avvio del sistema informatico, per il biennio 2016-2017 la scadenza per l’invio del Rapporto periodico sulla situazione del personale maschile e femminile è stata posticipata dal 30 aprile al 30 giugno 2018.

SICUREZZA

I dipendenti Asl non possono svolgere attività di medico competente
La Commissione per gli interpelli del Ministero del Lavoro ha chiarito che i dipendenti del Dipartimento di prevenzione delle Asl non possono prestare attività di medico competente in azienda.

Archivio:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi